Che cos’è l’Hosting e a cosa serve? Il servizio di hosting italiano e non

Che cos’è il servizio di Hosting e a cosa serve?

Stai pensando di fare un blog o mettere in marcia il sito web della tua attività? Sicuramente ti vengono alla mente molte domande relazionate con i servizi di cui avrai bisogno. Cos’è un hosting web? Che cos’è l’Hosting e a cosa serve? Che tipo di hosting esistono? Qual’è il più appropriato per me: hosting condiviso, VPS o magari un hosting server dedicato? Quale hosting provider scegliere? Con questo articolo mi piacerebbe rispondere hai tuoi dubbi, cominciando per le cose più basilari e continuando con concetti più complessi. Non ti preoccupare, cercherò di spiegarmi in maniera molto semplice perché le indicazioni siano chiare.

 

Che cos’è l’hosting?

Pensa nelle directory e nei files che conservi nel tuo computer e come questi di salvano nel hard disk del tuo PC in modo che siano sempre accessibili. Un sito internet è molto simile ad un documento di testo: ha bisogno di un computer dove essere archiviato. La differenza è che il PC che contiene il tuo sito deve essere sempre acceso, se vuoi che questo sia sempre disponibile ogni volta che un utente desidera accedere.

A differenza del computer che possiamo avere in casa, per ospitare un sito web abbiamo bisogno di una macchina che sia connessa a Internet attraverso una connessione con una larghezza di banda più ampio rispetto alle normali connessioni domestiche. E soprattutto che sia pienamente operativa le 24 ore del giorno, sette giorni alla settimana. Questo tipo di macchina o computer, è quella che conosciamo con il nome di hosting server.

 

A cosa serve l’hosting web?

Perché il tuo sito web sia sempre online e disponibile, è necessario disporre di un hosting web dove poterlo ospitare. Il computer con il quale siamo abituati a lavorare e una connessione Internet domestica non sarebbe sufficiente perché il tuo sito sia disponibile in tutto il mondo. Anche se disponi di fondi sufficienti per comprare il tuo proprio server e una connessione Internet molto potente, non sarebbe una buona idea. Risulterebbe troppo costoso, perciò affidarsi ad un hosting provider è la scelta migliore. Con hosting provider intendiamo aziende specializzate che dispongono di server propri per ospitare i siti web dei loro clienti, che sono dislocati all’interno di Centri di Elaborazione Dati (CED). Cioè, un’infrastruttura che dispone dei sistemi di sicurezza più avanzati (tanto fisici o hardware, come software) e connessioni a Internet permanenti e sicure, per evitare possibili guasti o errori nei servizi.

 

Quali tipi di hosting esistono?

Quando già sappuamo cos’è l’hosting, possiamo iniziare a pensare a come sceglire quello adeguato alle nostre esigenze. Dipendendo dal tipo di sito che gestisci o che vuoi creare, avrai bisogno di un servizio di hosting piuttosto che un altro. Per esempio, se vuoi fare un blog personale, un piano di hosting basico sarà più che sufficiente per te. Puoi anche leggere l’articolo sul WordPress Hosting. Se invece il tuo sito web è un negozio online o un sito di una grande azienda, forse ti conviene di più un servizio più professionale.

Anche se ogni progetto è differente, ti spiego a grandi linee in cosa consistono i diversi tipi di hosting in modo da poter scegliere.

 

Hosting condiviso

Si tratta di un hosting che ti riserva uno spazio su un server dove condividi risorse con altri utenti. Dipendendo dal piano selezionato, puoi avere differenti siti web alloggiati sullo stesso server. Molti hosting providers, offrono servizi di alloggiamento con traffico illimitato; in questa maniera se un mese hai un picco di traffico, il tuo sito non ne verrà influenzato e non avrai costi inaspettati

Server virtuale VPS

Un server virtuale privato o VPS è un server fisico diviso in multiple macchine virtuali indipendenti tra loro. Visto che l’hardware è condiviso, il costo di un server virtuale solitamente è abbastanza inferiore rispetto ad un server dedicato (fisico). Il vantaggio rispetto al caso precedente è che un VPS conta con risorse garantite, che non si condividono con nessuno e che puoi utilizzare come meglio credi. Questo ti concede più potenza e flessibilità che un hosting condiviso normale.

Server dedicato

Fondamentalmente, è costituito da una macchina fisica, ad uso esclusivo di un cliente.  Quel cliente è l’utilizzatore assoluto delle risorse di quel server, dall’ampiezza di banda  fino allo spazio disco. I server dedicati sono particolarmente adatti a siti con un grande volume di traffico mensile o che hanno bisogno di fare uso intensivo di risorse.

 

Hosting Italia – É conveniente un host in italiano?

Un altro dubbio cruciale: scegliere un hosting provider in Italia o all’estero? Hosting Italia? Uno degli aspetti principali da valutare in termini di qualità è sicuramente quello tecnologico, relativo all’evoluzione dei sistemi. Come saprai, la tecnologia è in continua evoluzione, e così ogni giorno nascono nuovi strumenti, sia dal lato hardware che software, in grado di garantire maggiori performance. Nuovi sistemi e tecnologie che gli hosting provider implementano per offrire ai loro clienti maggiore sicurezza, velocità e prestazioni. Purtroppo da questo punto il panorama dei providers italiani è sempre stato un po’ apatico arrivando spesso in ritardo sulle nuove tecnologie, per questo motivo se non volete rimanere indietro rispetto alla concorrenza meglio pensare ad un provider straniero. Anche dal punto di vista dei costi la situazione non è migliore, la media dei prezzi per gli hosting provider italiani e più alta rispetto ai concorrenti stranieri, soprattutto se riferiamo il prezzo alla quantità e alla qualità dei sei servizi offerti.

 

Quale scegliere ora che sappiamo cos’è l’hosting?

Ora che sappiaco cos’è l’hosting. Se vuoi saperne di più leggi la classifica hosting oppure l’articolo su come creare un blog.

Similar Posts:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *